Egitto piazza Taharir

L’Egitto di 4Winds segnala un articolo di LAWRENCE OSBORNE

L’Egitto di 4Winds segnala un articolo di LAWRENCE OSBORNE, pubblicato in LaRepubblica.it il 17 novembre 2013 dal titolo Un whisky e soda in Piazza Tahrir

” Un whisky e soda in Piazza Tahrir

Alle sei e dieci in punto scendo dalla camera decrepita che occupo al Windsor Hotel, lungo le scale gelate che corrono tutt’ intorno a un ascensore talmente vetusto che al solo pensiero di entrarci il cuore sobbalza. Ciononostante Mustafà – un fantasma con indosso un’ uniforme blu probabilmente portata da generazioni di fattorini, da quando cioè il Windsor era la nostra mensa ufficiali al Cairo – mi tiene aperte le porte di ferro, piuttosto luride. Alla prospettiva di una mancia gli occhi gialli gli si illuminano. «Sir!» mi grida, invitandomi a entrare nella sua gabbietta col pavimento coperto da un tappeto. Il suo compito è pur sempre trasportare ciucchettoni su e giù dalle loro squallide stanze al famoso bar del secondo piano: e che i suddetti temano o no per le loro vite, lui li prende a bordo comunque. Per salire e scendere, aziona una leva di ottone: «Puntuale come un orologio, habibi» mi dice con gli occhi mentre gli passo davanti, declinando l’ invito (sono sicuro che quell’ attrezzo manovrato a mano sia una trappola mortale, anche se sono altrettanto sicuro che più tardi ne avrò bisogno). Scendo al bar che come al solito, in questi giorni tesi e violenti, è vuoto. La televisione, accesa ventiquattr’ ore su ventiquattro, trasmette solo numeri di danze del ventre accompagnate da un sintetizzatore. Le poltroncine hanno un’ aria invitante, ma non nel senso migliore della parola. E comunque, difficile dimenticare che Piazza Tahrir è a tre passi. Nelle strade si respira un’ ansia autodistruttiva. Anche quest’ anno i turisti sono rimasti a casa, o hanno preferito le Seychelles…” leggi tutto l’articolo

Le proposte di viaggio Egitto di 4Winds

Rispondi